FIFA22

FIFA22

8 Dicembre 2021 0 Di DOM-TFR6

FIFA 22 sta facendo bene sfruttando la tecnologia della next-gen. Il nuovo capitolo della serie EA Sports sembra avere impegno,determinazione e costanza, per ciàò che ha mostrato fino ad adesso come vedremo nella nostra recensione, ma la strada per entrare nell’Olimpo calcistico è ancora lunga.

Abbiamo provato il gioco e dobbiamo ammettere che le sensazioni legate allo scenario, alle musiche è senza ombra di dubbio il miglior FIFA di sempre. Merito dei passi avanti in ambito tecnologico sicuramente ma anche delle regia legata ai contesti dentro e fuori dal rettangolo di gioco. Nell’intro di apertura ci viene mostrato come potrebbe essere il nostro avatar alle prese con qualunque modalità del gioco, girare per Parigi per arrivare al centro sportivo del PSG.

l’Hypermotion Technology, questa la feature esclusiva uno dei pilastri del gioco.

Per PS5 e Xbox Series X del titolo e che di fatto rappresenta il principale elemento di differenziazione tra le edizioni next-gen e quelle per le console della scorsa generazione.

Il risultato è a parer nostro è notevole, sia per l’estetica che per l’intero gameplay, si tratta di una tecnologia potenzialmente e altamente rivoluzionaria, e per renderla davvero perfetta, ad esempio, occorrerà lavorare ancora per la sua implementazione sull’applicazione della seconda colonna portante di questa feature: il Machine Learning, il quale che garantisce al resto del team che non sono controllati dal giocatore di apprendere e reagire logicamente con credibilità e reattività a agli eventi in campo.

L’utente ha svariate impostazioni da settare, e adeguandole sia allo stile di gioco, si può notare comportamenti più credibile come gli esterni, che sfruttano le lunghe distanze per favorire i cross.

Oppure gli inserimenti in area di rigore, certo non tutto fila liscio, a volte confusione sugli scambi tra gli esterni. Nel complesso, però, possiamo dire che la nuova tecnologia concepita da EA funziona e fa la differenza rispetto ai titoli precedenti.

Notiamo come l’Hypermotion Technology sia determinante nella spettacolarizzazione del gioco, le movenze dei top-player sono a dir poco notevoli e lo si vede in campo, un po meno curate quelle per team meno in vista e quindi un’applicazione della tecnologia meno precisa.

Le migliorie sono evidenti non possiamo negarlo anche oltre le aspettative di qualcuno possiamo asserire, ma il passato sembra tornare su alcuni situazioni che oramai negli anni si sono consolidate. Il gioco della EA rimane da quasi un decennio e quest’anno non è da meno votato alla “velocità” a differenza del suo rivale che è molto piu strategia sotto certi aspetti.

Questo va palesemente in contrasto con le novità inserite nel gioco che invece porterebbero appunto ad un gioco più ragionato.

Ogni azione di gioco, finisce spesso vittima della frenesia, dalle incursioni offensive in area alle azioni di ripiego difensivi, spesso non c’è una fluidità di manovra. Ammettiamo che lo stile calcistico di FIFA non permette di godere appieno delle innovazioni dell’Hypermotion Technology.

I capitoli successivi sicuramente porteranno altre logiche di gioco che forse sfrutteranno appieno la potenza di questa nuova tecnologia.